TagLuigi Di Maio

La pacchia è finita

Per Matteo Salvini la pacchia è finita. Sinora il capo leghista ha avuto gioco facile: nel governo gialloverde è riuscito a trasformare il Ministero dell’interno in una trincea dalla quale battagliare contro nemici immaginari (l’Europa, i migranti, il PD). La vittoria elettorale nasce da qui, dalla capacità mimetica di un leader che ha saputo, pur stando al governo, spacciarsi per il capo...

Di padre in peggio

Le cronache politiche degli ultimi giorni pullulano delle malefatte del padre di Luigi Di Maio, le quali sembrano appassionare più del baratro economico che rischia di spalancarsi sotto i nostri piedi nei prossimi mesi. È inevitabile: siamo il paese di Pulcinella, della commedia dell’arte, della burletta, cerchiamo continuamente sollazzi. Quando la realtà chiama, noi rispondiamo buttandola in...

L’eterna recita del potere

L’esperienza neopopulista di governo svela la condizione paradossale di un Paese da sempre avvezzo a confondere mascherata e tragedia. L’iper-presenza, per lo più mediatica e virtuale, dei due dioscuri, esaurisce il mitico “primato della politica” traducendolo in un sostanziale vuoto. Detto altrimenti: mai come in questo momento l’Italia ha avuto un governo forte (di forti), mai come...

Il puer aeternus

Eterno. Che non muore mai. E dunque fuori dal tempo, estraneo alla vita. La dimensione morale dell’uomo ipermoderno è questa: l’eterno fanciullo. Matteo Salvini, truce ministro del Popolo, qualche anno fa si regalò un servizio fotografico su un noto settimanale di gossip in cui, infiocchettato dalla sola cravatta, esibiva il fisico non proprio scolpito del patriota nostrano. Era la risposta, in...

La Manina

Com’è meschina la vita nell’era neopopulista. Meschino il presente, meschine le aspettative, meschini persino i complotti. In passato, i politici strillavano contro i Poteri Forti e uno s’immaginava una potentissima Spectre sul modello di James Bond, con il vegliardo che, gattone bianco in grembo, spingeva il pulsante e disintegrava il nemico seduta stante («Numero 8, hai commesso il tuo ultimo...