Ultimi post

Il gioco eterno

La politica è, oggi, la prima forma di intrattenimento. Ce lo ricorda, puntualmente, Matteo Salvini, fresco protagonista di un raccapricciante video in cui, musichetta di sottofondo e posa da conduttore navigato, invita i sostenitori a tirar fuori l’adolescente che è in loro, a riempirlo di cuoricini like following per vincere – nientemeno – una telefonata o un caffè in sua compagnia...

“È fichissimo!”

L’entusiasmo intorno al governo gialloverde sta lentamente scemando. La paralisi dell’azione, il tasso di litigiosità crescente, le gaffe, i conti che non tornano: ce n’è abbastanza per immaginare una rottura dopo le elezioni europee, sempre che i due dioscuri non preferiscano “tirare a campare piuttosto che tirare le cuoia”. Che siano lontani i tempi degli applausi a scena aperta, delle...

Cittadini

Il guaio del genere umano è una dose insufficiente di senso del ridicolo. Se fossimo in grado, guardandoci, di ridere di noi stessi, sai le figuracce, le tragedie che eviteremmo? Se Hitler si fosse visto per quello che era, un ometto pettinato come un emo ante-litteram che alzava al cielo i pugnetti sifilitici mentre delirava di “purezza della razza ariana”, ci saremmo risparmiati decine di...

Barbie statista

Sul finale di Kill Bill volume 2, David Carradine pronuncia un celebre monologo sui supereroi. La tesi, in breve, è questa: Superman è l’unico che non deve indossare ma togliere una maschera per essere se stesso. Mentre Bruce Wayne e Peter Parker diventano Batman e Spider-Man, Superman è Superman. I genitori adottivi lo trovarono, bambino interstellare precipitato sulla Terra da un pianeta...

Dissolvenza

«È questo il modo in cui finisce il mondo / Non già con uno schianto ma con un lamento». Così T. S. Eliot nel capolavoro The hollow men, gli “uomini vuoti”. La dissolvenza, dunque, non è solo un espediente artistico, una trovata per alludere all’infinitezza di ogni storia e, insieme, conciliare questa infinitezza con la struttura limitata della narrazione. È parte della nostra vita. Al diavolo...