Un blog di politica, libri, cultura, racconti

Ultimi post

Sparare alla marmotta

Di Battista è tornato in televisione dopo un anno, e visti i risultati, poteva pure risparmiarci. In diretta da Lucia Annunziata, il Che Guevara di Roma Nord non ha risparmiato le solite banalità qualunquiste che ne hanno innalzato la pallida figura di quarantenne mucciniano al ruolo di santino pentastellato. La novità stava forse nel tono, più prudente che in passato, quasi “istituzionale”...

Gli inadeguati

Qualche giorno fa è venuto a mancare Michel Piccoli. Era un attore più unico che raro. Eclettico, istrionico, ma mai eccessivo, sempre contenuto entro un limite che definiva un ermetismo, un mistero, persino una ieraticità indossati come s’indossa un classico, con eleganza e (auto)ironia. Mi piace ricordarlo in due grandi film: Dillinger è morto e Habemus papam. Quest’ultimo l’hanno dato in tv il...

Fase 0

All’indomani della conferenza stampa di Conte, sui social è tutto un florilegio di ironie sul fatto che la Fase 2 segni, più che l’ingresso nell’era della convivenza col virus, il passaggio, per il nostro presidente del Consiglio, dalla modalità Churchill a quella Napoleone. L’allarme è suonato con la risposta alla domanda di un giornalista che chiedeva un giudizio sull’operato del commissario...

Instabilità

«Felicità raggiunta, si cammina / per te sul fil di lama. / Agli occhi sei barlume che vacilla, /  al piede, teso ghiaccio che s’incrina; / e dunque non ti tocchi chi più t’ama». Non c’è niente di meglio di questa quartina di Eugenio Montale per ricordarci la precarietà della vita, la sua fragilità strutturale, lo sgomento che segue la scoperta dell’inafferrabilità della felicità. Molti di...

Diario di Hiroshima

I paragoni tra l’emergenza prodotta dal coronavirus e la guerra si sprecano. I medici sono “in prima linea”, gli ospedali “una trincea”, i presidi sanitari “munizioni”. Da più parti si preannuncia che quella che seguirà alla crisi sarà una “economia di guerra”. Ma una pandemia può paragonarsi a una guerra? Ovviamente no. La guerra è un atto brutale ma voluto, la scelta razionale (si può discutere...